Logo d'ateneo Unibo Magazine
Home In Ateneo Nuovi concorsi in Ateneo: oltre 150 tra docenti e ricercatori

Nuovi concorsi in Ateneo: oltre 150 tra docenti e ricercatori

Il Consiglio di Amministrazione ha approvato la seconda tornata di reclutamento dei Dipartimenti, la proposta di chiamata diretta di docenti e ricercatori provenienti dall’estero e la chiamata dei vincitori dei progetti ERC

Approvate dal CDA le richieste per 87 posizioni da professori (associati o ordinari) e 43 da Ricercatori a tempo determinato (A o B) avanzate dai Dipartimenti nell’ambito della seconda tornata di programmazione 2019.

Il CDA ha inoltre approvato, nella seduta odierna, la proposta da avanzare al Ministero di chiamate dirette di 20 docenti e ricercatori e la chiamata dei 3 vincitori ERC.


Reclutamento docenti e ricercatori

Con la delibera relativa alla programmazione ruoli docenti e ricercatori, il CDA ha soddisfatto le richieste avanzate dai Dipartimenti dell’Ateneo relativamente alla loro programmazione ordinaria e ad alcune richieste arrivate dai Dipartimenti stessi per iniziative didattiche ritenute strategiche dall’Alma Mater.

Si tratta, quindi, di una misura numericamente importante con 87 posizioni da professori (associati o ordinari) e 43 da Ricercatori a tempo determinato (A o B) che incrementano dunque la potenzialità didattica dell’Università di Bologna.


Chiamate dirette dall’estero

Approvata dal CDA la proposta di chiamate dirette in regime di cofinanziamento di 20 docenti di I e II fascia, da sottoporre al MIUR per la verifica dei requisiti dei candidati.


Si tratta di studiosi stabilmente impegnati all'estero in attività di ricerca o insegnamento a livello universitario da almeno tre anni, che ricoprono una posizione accademica equipollente in istituzioni universitarie o di ricerca estere.

Inghilterra, Stati Uniti, Cina, Germania, Serbia, Francia, Danimarca, Canada: alcuni dei Paesi in cui i docenti hanno svolto la loro attività di ricerca e/o insegnamento, mentre le aree in cui svolgeranno, a Bologna, la loro attività sono: Scienze biologiche, Beni culturali, Ingegneria, Fisica, Storia, Scienze economiche, Tecnologie agro-alimentari, Interpretazione e traduzione, Farmacia, Filosofia, Matematica, Psicologia, Sociologia e Statistica.


Nuovi vincitori ERC

Il CDA ha approvato le proposte di chiamata di 3 vincitori del bando finanziato dallo European Research Council (ERC) che lavoreranno al loro progetto di ricerca presso il Dipartimento delle Arti, il Dipartimento Di Scienze Economiche e il Dipartimento di Beni culturali dell'Alma Mater.

L’Alma Mater si è impegnata in modo particolare per attrarre dall’estero studiosi vincitori di bandi finanziati dallo European Research Council (ERC): l'organismo dell'Unione europea che premia ricercatrici e ricercatori di talento impegnati in attività di ricerca di frontiera.

A differenza dei classici progetti di ricerca europei, collegati alle istituzioni che ospitano gli studiosi partecipanti, i grant ERC garantiscono un finanziamento destinato direttamente al ricercatore premiato, che a quel punto è libero di scegliere la struttura più adatta per ospitare il proprio progetto di ricerca.

Negli ultimi anni, sono ben 18 gli studiosi vincitori di un bando ERC che l’Università di Bologna ha saputo attrarre grazie al proprio prestigio internazionale e ad una serie di investimenti mirati.