Unibo Magazine Unibo Magazine
Home In Ateneo Parte Chinlone: l'Alma Mater in Myanmar per sostenere le università

Parte Chinlone: l'Alma Mater in Myanmar per sostenere le università

Al via il progetto europeo coordinato dall'Università di Bologna pensato per far crescere il sistema universitario birmano, riformando e modernizzando l'organizzazione degli atenei e favorendone l'apertura verso il contesto internazionale


Da lunedì 19 a mercoledì 21 febbraio l'Università di Bologna ospita il kick-off meeting di Chinlone
, nuovo progetto internazionale coordinato dall'Alma Mater che si concentrerà sul mondo dell'istruzione superiore in Myanmar. L'incontro, a cui partecipano una trentina di rappresentanti del panorama universitario birmano, si è aperto oggi a Palazzo Poggi alla presenza del rettore Unibo Francesco Ubertini, della prorettrice per le relazioni internazionali Alessandra Scagliarini e del delegato per i paesi asiatici e coordinatore del progetto Antonio Fiori.

Realizzato grazie a un finanziamento dell'Unione Europea, Chinlone è un progetto di capacity building pensato per far crescere il sistema universitario birmano, riformando e modernizzando l'organizzazione degli atenei e favorendone l'apertura verso il contesto internazionale. L'azione - guidata dall'Università di Bologna - coinvolge il Ministero dell'Istruzione del Myanmar e cinque università birmane (University of Mandalay, University of Yangon, Yezin Agricultural University, Yangon University of Economics, Dagon University), insieme a tre partner europei: Coimbra Group, Università di Uppsala e Università di Granada.

Rettori, docenti e personale amministrativo degli atenei birmani coinvolti sono i tre gruppi target al centro delle azioni previste. Saranno presentati esempi di best practice di governance accademica a livello europeo, casi di strutturazione di corsi di laurea e modelli di gestione dei processi di internazionalizzazione.

A partire da queste attività di sostegno ad alcuni dei principali atenei birmani, Chinlone punta così a generare un effetto a cascata che arrivi a coinvolgere il sistema universitario di tutto il paese attraverso la condivisione delle pratiche presentate e dei risultati raggiunti.

Tra i temi su cui si concentreranno le azioni di Chinlone ci sono in particolare alcuni degli ambiti strategici per la crescita del Myanmar come la tutela del patrimonio culturale, l'economia del turismo e le scienze agrarie. In questo modo, le università birmane avranno la possibilità di fornire ai propri studenti strumenti utili ed efficaci per favorire il loro inserimento sul mercato del lavoro.