Unibo Magazine Unibo Magazine
Home In Ateneo Santa Maria del Baraccano, al via il percorso per il restauro

Santa Maria del Baraccano, al via il percorso per il restauro

Oltre tre milioni e mezzo di investimento in un progetto che vede la regia del Comune in collaborazione con l’Arcidiocesi e il supporto di Università, Fondazione Carisbo e Quartiere Santo Stefano

Due milioni di euro per ristrutturare il Santuario di Santa Maria del Baraccano, una delle chiese più amate dai bolognesi. È l’impegno che ASP Città di Bologna, l’Azienda pubblica di servizi alla persona, mette in campo insieme a Comune di Bologna, Arcidiocesi di Bologna, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, Fondazione Carisbo e Quartiere Santo Stefano.

Le istituzioni cittadine hanno siglato un protocollo di intesa per il recupero del Santuario e la valorizzazione del contesto in cui è inserito, dando così il via un percorso che restituirà alla città uno dei suoi gioielli storico-architettonici. La firma dell'accordo è avvenuta ieri nella sala Biagi del Quartiere Santo Stefano alla presenza dell’assessore a sanità e welfare Giuliano Barigazzi, dell’amministratore unico di ASP Città di Bologna Gianluca Borghi, dell’arcivescovo Matteo Maria Zuppi, del professor Riccardo Gulli, delegato del Rettore per edilizia e sostenibilità ambientale dell’Università di Bologna, del presidente di Fondazione Carisbo Leone Sibani, della presidente del Quartiere Santo Stefano Rosa Maria Amorevole.

La stima dell’impegno economico per la totalità dell’intervento è di 3.600.000 euro. Oltre al primo stanziamento di ASP nel bilancio 2018, pari appunto a 2.000.000 euro, è previsto il contributo di 342.500 euro dall’Agenzia Regionale per la Ricostruzione Sisma 2012.

Nel dettaglio, ASP Città di Bologna si è impegnata a realizzare gli interventi di restauro della chiesa e quelli di recupero del contesto urbano, che vede il Santuario in stretta relazione con la cinta muraria, l’ex convento e il portico che si apre su via Santo Stefano, sottolineandone così la natura di parte peculiare del patrimonio storico-sociale della città. Il Comune di Bologna garantirà il coordinamento delle azioni necessarie alla realizzazione del progetto.