Unibo Magazine Unibo Magazine
Home In Ateneo Alla docente Unibo Patrizia Tassinari il Grifo di cristallo della Città di Imola

Alla docente Unibo Patrizia Tassinari il Grifo di cristallo della Città di Imola

Il riconoscimento è arrivato per l'impegno come responsabile didattico del Plesso imolese dell'Università di Bologna

Patrizia Tassinari, docente Unibo di Costruzioni rurali e territorio agroforestale, ha ricevuto il Grifo di cristallo della Città di Imola, prestigioso premio assegnato a cittadini o istituzioni che si sono distinte nel valorizzare la comunità imolese.

Il riconoscimento, consegnato nel corso di una cerimonia al Teatro Stignani, è andato a premiare in particolare l'impegno della professoressa come responsabile didattico del Plesso di Imola dell'Università di Bologna. "È come responsabile del plesso imolese dell’Università - si legge infatti nelle motivazioni - che noi vogliamo riconoscere il Grifo di cristallo, per la cura, l’impegno e la dedizione totale continua ed indefessa, che hanno fatto sì, insieme ad altri importanti protagonisti come la Fondazione Cassa di Risparmio, che l’Università ad Imola sia diventata una importante piattaforma programmatica all’interno del sistema universitario, destinata a crescere e a diventare una grande opportunità per gli studenti del nostro territorio come per quegli studenti che già oggi provengono da ogni parte d’Italia ed anche d’Europa".

Insime alla professoressa Tassinari, hanno ricevuto il Grifo di cristallo 2017: Cefla group, CLAI- Cooperativa Lavoratori Agricoli Imolesi, Marco Gasparri, Cantina Tre monti, Roberta Galassi, Fausto Ravaldi, Andrea Costa Imola Basket, Magia Over Limits, Sport Imola 24, CAI Sezione di Imola, Banda Musicale Città di Imola, Università Aperta, Circolo Culturale Filatelico Numismatico “Guido Piani”, Trama di Terre, Franco Scala, RestART Urban Festival, Operatori del servizio 118 dell’Azienda Usl di Imola, Associazione la Giostra, Ospedale di Montecatone, Casa di accoglienza “Anna Guglielmi”, Claudio Marcello Costa, Benito Battilani.