Logo d'ateneo Unibo Magazine
Home In Ateneo CDA. Borse di studio, servizi per disabili, accordo con la Questura di Bologna

CDA. Borse di studio, servizi per disabili, accordo con la Questura di Bologna

Il Consiglio di Amministrazione dell'Alma Mater ha approvato la proposta di intervento straordinario per garantire un sostegno economico agli studenti idonei ma non assegnatari delle borse di studio regionali per l'a.a. 2017/18. Approvati anche il piano di utilizzo delle risorse assegnate all'Ateneo per migliorare i servizi per gli studenti diversamente abili e l'accordo con la Questura per semplificare le procedure degli studenti internazionali

Tra le pratiche discusse e approvate in CDA, stamattina, la proposta di contributo per garantire un sostegno economico a tutti gli studenti Unibo risultati idonei ma non assegnatari delle borse di studio regionali per l’anno accademico 2017/2018, il piano di interventi per gli studenti diversamente abili e l'accordo tra Ateneo e Questura di Bologna.


Borse di studio per studenti idonei ma non assegnatari delle borse di studio regionali a.a. 2017/18 

Stanziato dall'Ateneo un contributo di 493.150,00 € per garantire un sostegno economico agli studenti dell’Alma Mater che sono risultati idonei ma non assegnatari delle borse di studio regionali per l’anno accademico 2017/2018.

A causa dell’insufficienza della quota del Fondo Integrativo statale spettante alla Regione Emilia-Romagna, la Regione ha comunicato, a fine novembre, agli Atenei emiliano romagnoli che non avrebbe potuto corrispondere le provvidenze al 100% degli idonei. L'Assessore regionale e i Rettori delle Università della regione hanno convenuto sull’opportunità di intervenire in via straordinaria per assicurare agli aventi diritto un sostegno economico e poter così proseguire il percorso universitario iniziato nei mesi scorsi.


L’ammontare del contributo a carico del solo Ateneo di Bologna è pari a 493.150,00 €: tale somma consentirà di erogare ai 735 studenti idonei non assegnatari della borsa di studio regionale una provvidenza di valore complessivamente pari a 1.640,00 € per gli studenti fuori sede (383), a 990,00 € per gli studenti pendolari (91) e a 940,00 € per gli studenti in sede (261).


Piano di utilizzo delle risorse a sostegno degli studenti diversamente abili

L'Alma Mater ha ottenuto una quota pari a 321.122,00 €, con un aumento del budget del 33% rispetto al 2016. Ciò indica l’attrattività dell'Alma Mater per gli studenti con disabilità e con DSA in quanto la ripartizione delle risorse è basata sul numero degli studenti con certificazione adeguata, criterio adottato dal MIUR per la prima volta.


L'Ateneo investirà quindi sulle tecnologie, sia come laboratori sia come attrezzature d’aula per permettere agli studenti che lo necessitano di seguire le lezioni e garantire la disponibilità dei servizi anche distanza, come anche su tutor specializzati e tutor alla pari che garantiscano una risposta personalizzata, promuovendo contatto e inclusione nella comunità degli studenti.


Accordo tra Alma Mater e Questura di Bologna 

E' stato approvato dal CDA un accordo che permetterà di semplificare le procedure e i rapporti tra Questura di Bologna e International Desk di Ateneo per la verifica delle carriere degli studenti internazionali e il rinnovo del permesso di soggiorno, secondo i requisiti di legge. 


Gli studenti di cittadinanza non dell’Unione Europea, infatti, devono chiedere il permesso di soggiorno per studio dimostrando la loro iscrizione all’Università e di aver sostenuto il numero di esami richiesto dalla normativa vigente. Grazie all'accordo approvato oggi, le procedure di verifica saranno snellite e velocizzate con l'obiettivo di agevolare gli studenti internazionali nel rinnovo del permesso di soggiorno.